• Sopralluogo e pianificazione del survey;
  • identificazione e misura attraverso spettroscopia γ e β di radionuclidi artificiali (137Cs 134Cs, 131I, 60Co, 90Sr) in discariche con detector scintillatori portatili inorganici (NaI, LaBr3, CeBr3), plastici e rivelatori a gas;
  • installazione di detector NaI con connessione remota su benne a polipo per l’individuazione di radionuclidi artificiali (137Cs, 134Cs, 131I, 60Co) nei rottami metallici attraverso misure di spettroscopia γ;
  • monitoraggio di veicoli (e.g. camion, vagoni) per l’individuazione di radionuclidi artificiali (137Cs, 134Cs, 131I, 60Co) attraverso misure di spettroscopia γ con rivelatori ad alta efficienza (NaI, LaBr3, CeBr3);
  • identificazione di radionuclidi (123I, 125I, 131I, 99mTc, 111In, 67Ga, 201Tl) nei rifiuti solidi prodotti dalle attività di servizi di medicina nucleare attraverso misure di spettroscopia γ e β realizzate con scintillatori portatili (NaI, LaBr3, CeBr3), CZT e scintillatori plastici;
  • sistemi statici e energeticamente autosufficienti equipaggiati con rivelatori NaI, LaBr3, CeBr3 e/o scintillatori plastici assieme a una connessione remota e a un sistema di allerta, finalizzati al controllo in continuo e in real-time di aree a rischio di contaminazione per il monitoraggio di radionuclidi artificiali (137Cs, 134Cs, 131I, 60Co, 90Sr);
  • identificazione e quantificazione di radionuclidi naturali (40K e prodotti delle catene di decadimento dell’ 238U e del232Th) e artificiali (137Cs, 134Cs, 131I, 60Co, 90Sr) attraverso misure di spettroscopia γ e β, con rivelatori NaI, LaBr3, CeBr3 e scintillatori plastici, in campi e terreni coltivati per il monitoraggio della filiera produttiva agroalimentare;
  • misure di concentrazione di radionuclidi naturali (della famiglia del 238U,232Th e 40K) con rivelatori NaI, LaBr3, CeBr3 attraverso la spettroscopia γ per l’individuazione di giacimenti minerari;
  • misure di concentrazione di radionuclidi naturali (40K e prodotti delle catene di decadimento dell’ 238U e del 232Th) in materiali lapidei, da costruzione ed inerti (e.g. in cava, in depositi di stoccaggio, in siti di lavorazione) attraverso misure di spettroscopia γ con rivelatori NaI, LaBr3, CeBr3 e CZT dotati di apparati di collimazione per la riduzione del fondo ambientale;
  • misure di concentrazione di 40K nella frazione potassica dei fertilizzanti e dei radionuclidi naturali della catena di decadimento del 238U nella frazione fosfatica attraverso misure di spettroscopia γ con rivelatori NaI, LaBr3 e CeBr3;
  • misure di concentrazione di radionuclidi naturali (40K e prodotti delle catene di decadimento dell’ 238U e del 232Th) attraverso misure di spettroscopia γ con rivelatori NaI, LaBr3 e CeBr3 su affioramenti rocciosi e suoli per survey geofisici;
  • realizzazione di carte tematiche a diversa scala della distribuzione spaziale dei radionuclidi naturali (40K e prodotti delle catene di decadimento dell’ 238U e del 232Th) attraverso misure di spettroscopia γ con stima delle incertezze;
  • misure di rate di dose efficace con differenti range di sensibilità con rivelatori portatili NaI (0-100 μSv/hr, equivalente a 0-10 mrem/hr) e Geiger Müller (0-10 mSv/hr, equivalente a 0-1 rem/hr);
  • caratterizzazione del contenuto idrico del suolo su scala di campo (~104 m2) attraverso misure di spettroscopia γ realizzate con rivelatori NaI, LaBr3 e CeBr3, finalizzate a fornire un supporto decisionale nell’agricoltura di precisione complementare alle misure puntuali (~ m2) condotte con sensori elettromagnetici e utilizzabili per la calibrazione di dati satellitari.

Per maggiori informazioni: radio@geoexplorer.cgtgroup.org